Scroll to top
Coquillete Paris

Traducendo un universo di musica, poesia e appunti di viaggio, queste armonie olfattive ispirano il sottobosco sensoriale. Le fragranze evocano scenari lontani, odori e rituali di diverse culture. Esperienze, memorie, emozioni e sogni sono le altre componenti creative di questa collezione dedicata al viaggio per la ricerca delle migliori materie prime.

Coquillete Paris

Herat

Punto di partenza: un concorso di poesia di donne afghane. Herat è una composizione originale e sontuosa dove l’Hashish afghano, l’oro nero di questo tormentato paese, ancora diviso tra guerra e poesia. Una composizione accattivante dove il tabacco si sposa con il gelsomino e l’incenso, creando una perfetta armonia.

Testa: Tabacco Cubano, Gelsomino di Grasse, Ylang Ylang della Polinesia.
Cuore: legni, ambra grigia, hashish Afghano, mirra del Madagascar, ciste del Marocco, incenso dell’Oman .

Fondo: muschio di quercia di Cipro, ambra grigia, Vetiver
pakistano, Tabacco.

Coquillete Paris

Sulmona

Inspirazione: un evento privato, il matrimonio di Elise ad Amalfi.
Sulmona è un profumo delizioso, goloso e tenero, una nuvola di zucchero a velo e mandorla che ricorda i confetti. Un omaggio agli sposi, nel giorno più bello.
Testa: Vaniglia del Madagascar, zucchero di canna, mandorla.

Cuore: Vanillina, mandorla amara siciliana.

Fondo: vaniglia, fiori d’arancio

Coquillete Paris

Moramanga

Un magnifico viaggio tra gli odori e la cultura del Madagascar.

Un Parfum opulento dai colori e sentori dei fiori ricchi e carnosi di questo paese, uno jus prezioso che lascia una traccia d’esotismo che rimanda al calore  di una natura generosa.

Testa Gelsomino, Gardenia, Iris

Cuore tolu, benzoino, opoponax Etiope,

Fondo tuberosa del Madagascar, ylang ylang della Polinesia, vaniglia del Madagascar, muschio asiatico.

Coquillete Paris

Sumatera

Un Patchouli verde lavorato sull’isola di Sumatra che incontra una cannella esuberante. Nel rispetto dell’antica tradizione indonesiana, il patchouli fresco viene estratto attraverso un lavoro manuale, ciò conferisce al bouquet una nota originale e distintiva.

Testa gelsomino cinese, fiori bianchi, patchouli verde di Sumatra, cannella dello Sri Lanka, pepe nero dell’ oceano indiano.

Cuore legno di cedro, muschio e patchouli.

Fondo Vaniglia del Madagascar e gelsomino.

Coquillete Paris

Tan-Tan

L’estate è terminata, il pino entra in scena creando un duo mistico con l’assenzio.

La dolcezza del fico marocchino si unisce al  Vetiver Pakistano su accordi ambrati, muschiati e cuoiati. Le viaggio parte dal Sud dell’Italia e termina in questo intrigante porto marocchino su virili note Vintage.

Testa Aghi di pino, bergamotto calabrese, artemisia, Fico bianco del Marocco

Cuore Cedro di Calabria, Vetiver Pakistano, Gelsomino Polinesiano, patchouli verde di Sumatra, geranio cinese

Fondo legno di fico, latte di cocco, muschio bianco, ambra grigia, geranio, legno di sandalo e note cuoiate.

Coquillete Paris

Tudor

“Le rose cascano, le spine restano” Proverbio Simbolo della fine della guerra dei cent’anni , la Rosa di Tudor rappresenta la pace che arriva dopo un lungo percorso, è la dimostrazione di come ogni esistenza umana e ogni vita debba fare i conti con ferite laceranti, ostacoli imprevisti, che ci impediscono di raggiungere la parte intima di noi stessi. Una fragranza che toglie tutti gli orpelli effimeri e si presenta nella sua cruda bellezza, un volo di petali spazzati via dal vento d’autunno, un groviglio di cespugli, legni, radici, terra. Una metafora che altro non è che un inno alla vita, nella sua forma essenziale e primordiale. Note profonde ed enigmatiche che scavano a fondo con un ritorno dolce ed ambrato. La fine del viaggio, la sesta ed ultima fragranza della collezione, l’ultimo viaggio, il più impegnativo, quello dentro se stessi.
Testa: legno di rosa, geranio cinese, mughetto.
Cuore: legni ambrati, benzoino, terra.
Coda: legno di rosa, benzoino, labdano, ambra grigia, vaniglia del Madagascar.